Acido ialuronico: fonte dell’eterna giovinezza?

Cos’è l’acido ialuronico (HA)? Sempre più spesso se ne sente parlare. Creme per la cura della pelle, medicina estetica, ortopedia, oculistica, otorinolaringoiatria, ginecologia, urologia,…. tutto quello che riguarda il genere umano sembra avere a che fare con l’acido ialuronico. Cerchiamo di capire di cosa si tratta e se davvero i trattamenti con HA siano in grado di prevenire e/o combattere il processo di invecchiamento.

Cos’è l’acido ialuronico?

E’ una sostanza gelatinosa già presente nel nostro corpo. Rappresenta, infatti, un componente fondamentale del tessuto connettivo che troviamo in molte parti del nostro organismo.

In particolare lo ritroviamo nella pelle, nelle cartilagini, nei tendini, nelle articolazioni (liquido sinoviale) e nell’occhio (umor vitreo).

Dal punto di vista chimico si tratta di un filamento di zucchero, formato da migliaia di unità costituite da Acido Glucoronico e N-Acetilglucosammina. Tale filamento può essere più o meno lungo e quindi formare acidi ialuronici che si differenziano per il peso molecolare.

Che azioni svolge?

– azione idratante

L’acido ialuronico ha la particolarità di legare moltissime molecole di acqua. Grazie a questa sua azione, idratante l’acido ialuronico lubrifica le articolazioni e mantiene la pelle turgida e idratata.

– azione ristrutturante

La cute contiene circa la metà dell’acido ialuronico presente nel corpo. Le cellule presenti nella pelle (fibroblasti, cheratinociti, cellule endoteliali) sintetizzano HA con pesi molecolari differenti.

  •  L’HA a basso peso molecolare agisce a livello dell’epidermide (vedi “la pelle“) formando una rete che trattiene acqua e al contempo trasporta le sostanze nutritive alle cellule, compensando l’assenza di vasi sanguigni.
  • L’HA ad alto peso molecolare nel derma forma una rete insieme alle altre molecole presenti (collagene, elastina, glicoproteine, proteoglicani), che dona alla pelle consistenza e tonicità.

– azione biostimolante

L’HA è anche in grado di agire sulle cellule in maniera specifica, determinando risposte differenti a seconda del suo peso molecolare. Lo possiamo paragonare ad una chiave che, quando entrano nella serratura (recettore) che trova sulla superficie delle cellule, stimola un’azione cellulare specifica.

L’azione più importante è a livello del recettore CD44:

  • nella parte più supericiale del derma l’attivazione di questo recettore stimola la maturazione e l’adesione reciproca dei cheratinociti, determinando una maggiore compattezza e resistenza dello strato più superciale delle pelle;
  • nel derma posto più in profondità stimola la proliferazione dei fibroblasti (le cellule che producono collagene, elastina ed HA), portando ad un miglioramento della consistenza ed elasticità della pelle.

Cosa accade nel processo di invecchiamento dell’uomo?

La quota di HA presente nell’organismo diminuisce progressivamente. Questo è uno dei fattori che, insieme alla diminuzione di collagene ed elastina, porta a assottigliamento della pelle, perdita di tonicità e comparsa di rughe.

trattamenti acido ialuronico per prevenire l'invecchiamento della pelle |carloperamezza.it

I trattamenti con acido ialuronico naturale

La medicina estetica utilizza le iniezioni di acido ialuronico naturale per prevenire la diminuzione fisiologica di HA della pelle che si verifica col processo di invecchiamento dell’uomo e restituire alla cute idratazione, tonicità ed elasticità.

L’introduzione di acido ialuronico inizialmente ha azione idratante e ristrutturante, donando alla pelle idratazione, nutrimento e aspetto levigato. 

Successivamente si crea anche una biostimolazione. L’HA iniettato, infatti, viene gradualmente demolito da enzimi appositi (ialuronidasi) creando frammenti di HA che vanno ad attivare il recettore CD44 cellulare migliorando la qualità della pelle.

In cosa consiste il trattamento con acido ialuronico?

Il trattamento con acido ialuronico naturale prevede inizialmente 3/4 sedute (1 ogni 2/4 settimane). Successivamente è sufficiente una seduta ogni 3 mesi circa per mantenere il risultato raggiunto.

La frequenza delle sedute varia in relazione al grado di invecchiamento della pelle e all’HA iniettato.

Recentemente la tecnologia ha sviluppato HA naturali che, permanendo più a lungo nella pelle, posseggono un’azione prolungata, permettendo di diradare le sedute.

Le iniezioni di acido ialuronico naturale sono un trattamento sicuro?

Quando ho parlato di cos’è l’acido ialuronico, ho spiegato che si tratta di una sostanza già presente nell’organismo. Si comprende quindi perché non esista una vera allergia all’acido ialuronico.

Le iniezioni di HA naturale sono quindi un trattamento sicuro. Nella maggior parte dei casi non si registrano effetti collaterali. A volte possono comparire dolore, arrossamento, gonfiore ed ematomi, che si risolvono spontaneamente nel giro di qualche giorno.

Non esistono vere controindicazioni all’impegno dell’HA. Solo durante la gravidanza e l’allattamento è sconsigliato sottoporsi al trattamento.

Il filler di acido ialuronico: cos’è e cosa serve

Data l’ottima tollerabilità dei trattamenti con acido ialuronico da parte dell’organismo, la ricerca scientifica si è attivata per trovare il modo di utilizzare questa sostanza come riempitivo cioè come filler (dall’inglese to fill = riempire).

Il problema da superare era la durata limitata dell’HA una volta iniettato. Tale problema è stato risolto attraverso un procedimento chimico (crosslinking) che ha unito vari filamenti di HA, creando una struttura tridimensionale. Questo trasformazione ha, infatti, conferito alla molecola così prodotta una maggiore sopravvivenza nell’organismo, rendendolo più resistente agli enzimi deputati alla degradazione dell’HA (ialuronidasi).

 

Tanti filler a base di acido ialuronico

Il crosslinking ha anche consentito di creare molecole di acido ialuronico più compatte rispetto ai filamenti dell’HA naturale. Tali molecole sono state rese differenti fra loro per una serie di parametri chimico-fisici (elasticità, plasticità, viscosità, coesività), al fine di creare filler che potessero svolgere azioni differenti.

Quando si vuole aumentare il volume dello zigomo, ad esempio, è necessario rivolgersi verso un prodotto dotato di elevata consistenza. Tale prodotto deve essere inserito in profondità e mantenere il suo volume nel tempo. L’HA indicato in questo caso potrebbe essere paragonato alla gelatina.

come prevenire l'invecchaimento della pelle con l'acido ialuronico |carloperamezza.it

  • Lo stesso prodotto non sarebbe adatto per correggere le rughe del labbro (codice a barre). Per questo utilizzo infatti è più indicato un HA morbido e deformabile, dato in questo caso il prodotto deve essere posizionato in superficie e consentire il normale movimento delle labbra. L’HA in questione potrebbe essere paragonato ad una crema spalmabile come la Nutella.

contrastare il processo di invecchiamento con i filler di acido ialuronico. carloperamezza.it

 

  • Altri HA sono così fluidi che non determinano alcun riempimento, ma possedendo la capacità di legare molta acqua, consentono di donare alla cute un’idratazione di lunga durata. La cioccolata in tazza potrebbe dare l’idea di quest’ultimo HA.

processi di invecchiamento umano |carloperamezza.it

In conclusione sono stati creati molti filler di acido ialuronico che, diversamente dall’HA naturale, non hanno azione biostimolante e bioristrutturante, ma vanno a svolgere un effetto riempitivo e/o idratante differente per adattarsi alle varie aree da trattare.

Gli usi innovativi dei filler di acido ialuronico

Pensare l’acido ialuronico serva solo per riempire le rughe è estremamente riduttivo.

I filler possono infatti essere anche utilizzati per correggere la naturale diminuzione dell’impalcatura che sorregge la pelle del viso (ossa, grasso,..) che si verifica col passare degli anni. I trattamenti con i filler di acido ialuronico, quindi, consentono di contrastare efficacemente il processo di invecchiamento dell’uomo.

Il risultato che si ottiene è immediato, poco traumatico e a volte sovrapponibile se non addirittura superiore ad un lifting chirurgico.

Il trattamento con filler presenta anche un’ottima tollerabilità, ma deve essere effettuato con le dovute accortezze e solo da personale qualificato per evitare di incorrere in complicanze.

Prevenire l’invecchiamento della pelle

I trattamenti con i filler di acido ialuronico, infine, migliorando la tensione della pelle e modulando l’attività della muscolatura, consentono anche di prevenire l’invecchiamento della pelle, andando a correggere eventuali difetti prima che inneschino tale processo.