Gli effetti collaterali dei trattamenti di medicina estetica

Le effetti collaterali dei trattamenti medicina estetica sono aumentati del 40% negli ultimi 2 anni. Eppure la medicina estetica si rivolge in genere a persone sane con l’obbiettivo di farle sentire meglio. Non dovrebbe creare complicazioni né tantomeno trasformare i pazienti in mostri. Allora come si spiega questo incremento degli effetti collaterali?

La preparazione di chi esegue i trattamenti

Oggi purtroppo filler e altri prodotti per l’estetica sono commercializzati su internet. Chiunque può acquistarli e improvvisare trattamenti di medicina su se stesso o sugli altri con conseguenze catastrofiche.

Oltre a ciò, diversi medici ed odontoiatri, attirati dalla possibilità di guadagnare, si sono buttati in questo campo senza una preparazione adeguata.

E tale non può essere sicuramente considerata quella conseguita attraverso i corsi su internet o quelli di poche ore organizzati dalle ditte produttrici di materiali per l’estetica con lo scopo di vendere i propri prodotti.

Gli effetti collaterali trattamenti di medicina estetica sono sempre possibili

Come in ogni branca medica, anche nella  medicina estetica  gli effetti collaterali sono sempre in agguato. Solo una preparazione adeguata permette di prendere le precauzioni opportune per renderle meno frequenti, ma fare in modo che non si verifichino, purtroppo, non è possibile.

Fondamentale, inoltre, è riconoscere tempestivamente l’insorgenza di un effetto collaterale e trattarlo per evitare esiti permanenti. E ciò è possibile solo grazie ad una preparazione adeguata.

Da cosa possono derivare gli effetti collaterali?

le complicanze della medicina estetica dipendono anche dal fatto che i pazienti comprano i materiali su interne e se li iniettano da soli. carloperamezza.it

1) Il materiale utilizzato

I materiali utilizzati in medicina estetica possono essere numerosi. Mi voglio concentrare sui filler che sono i trattamenti eseguiti più di frequente. La qualità del filler e la sua conservazione incidono sulla frequenza degli effetti collaterali.

– Qualità

E’ importante affidarsi a materiali di buona qualità.  I filler di acido ialuronico non sono tutti uguali per qualità. E ce ne sono talmente tanti che persino i medici esperti faticano a districarsi in un mercato così affollato di prodotti.

Inoltre c’è un mercato parallelo in cui si trovano a prezzi stracciati filler e tossina botulinica provenienti dalla Cina o da altri paesi. Questi materiali, in particolare, producono effetti collaterali con maggior frequenza. Probabilmente ciò dipende dalla scarsa accuratezza dei processi di purificazione e sterilizzazione.

Troppi, infine, sono i pazienti con effetti collaterali, che non hanno nemmeno un’idea di cosa gli è stato iniettato. E’ importante sapere con precisione il materiale utilizzato ed eventualmente farsi rilasciare l’etichetta.

– Conservazione

Anche la conservazione del prodotto è importante. L‘acido ialuronico e la tossina botulinica possono alterarsi se non sono conservati correttamente.

2) Tecnica di iniezione scorretta

le complicanze della medicina estetica e i brutti risultati possono anche dipendere dalla scarsa preparazione di chi effettua il trattamento. carloperamezza.it

Un cattivo posizionamento del materiale può causare:

  • asimmetrie,
  • ipercorrezione delle rughe,
  • noduli palpabili,
  • colorazione grigiastra per una iniezione troppo superficiale.

3) Traumatismo

Gli effetti collaterali del traumatismo dell’ago sono frequenti. Si tratta di problemi di scarsa rilevanza. Inoltre si risolvono in poche ore se si tratta di rossore e gonfiore o al massimo qualche giorno in caso di ematoma.

4) Infezione

Si tratta di un’evenienza abbastanza rara, se sono state effettuate correttamente detersione e disinfezione dell’area da trattare. L’infezione è uno degli effetti collaterali per cui è importante diagnosi e trattamento tempestivi.

5) Reazione dell’organismo al prodotto

L’organismo, dopo che viene a contatto col materiale iniettato, può manifestare reazioni infiammatorie, allergiche o pseudoallergiche. Si tratta di effetti collaterali abbastanza rari. Quello che che si verifica con maggior frequenza è la comparsa di gonfiore.

Sicuramente una buona qualità del prodotto utilizzato riduce la frequenza di questa complicazione, ma si può verificare anche con materiali di elevata qualità. Anche questi effetti collaterali vanno individuati e trattati precocemente.

6) Danno dei nervi

L’iniezione in corrispondenza di nervi può provocarne un danneggiamento (paresi o paralisi). Si tratta di una effetti collaterali rari, che solitamente si risolvono spontaneamente. 

7) Iniezione dentro un vaso

L’iniezione accidentale dentro un’arteria può ostruirla, provocando un blocco della circolazione nell’area corrispondente. Se non ci sono altri vasi che garantiscono comunque l’apporto sanguingno in quest’area, si verifica un danno o addirittura la morte dei tessuti (necrosi). Le aree, poi, di necrosi guariscono con cicatrici permanenti.

In alcune zona del viso i vasi sanguigni sono collegati a quelli dell’occhio. L’iniezione accidentale in uno di essi potrebbe causare l’ostruzione dei vasi sanguigni dell’occhio con conseguente cecità. Per fortuna si tratta di una complicanza rarissima. 

Si tratta sicuramente del più grave tra gli effetti collaterali. Il riconoscimento precoce di questa complicanza rende possibile il trattamento con farmaci che sciolgano il materiale (come la ialuronidasi per i filler di acido ialuronico). Ripristinare prima possibile la circolazione previene il danno permanente.

le complicanze dei trattamenti di medicina estetica sono più rare se il medico ha una formazione specifica. carloperamezza.it

Come evitare gli effetti collaterali dei trattamenti di medicina estetica?

Come ho accennato non è possibile azzerare le complicanze, ma sicuramente è possibile ridurle. Per ottener ciò, bisogna rivolgersi solamente a medici che abbiano fatto un percorso formativo adeguato e che si aggiornino costantemente.

I professionisti del settore dovrebbero avvalersi di materiali di buona qualità e utilizzare modalità di conservazione corrette.

Inoltre la preparazione del medico è importante per ridurre le infezioni, il malposizionamento del materiale e l’iniezione dentro un vaso.

Infine, anche nella sfortunata eventualità che una complicanza si possa verificare, solo il medico esperto è in grado di individuarla e trattarla tempestivamente. Questo permette di evitare gli esiti permanenti. 

Concludendo: si alla medicina estetica, ma assolutamente in sicurezza!