La salute passa per l’intestino!

Se ci si pone come obbiettivo il wellness, è indispensabile prendere in considerazione l’intestino e il ruolo che svolge per la salute dell’organismo. L’apparato digerente, infatti, è stato riconosciuto il vero responsabile della salute e del benessere psico-fisico. Il suo ruolo può essere meglio compreso se si considera che tale apparato rappresenta il mezzo attraverso cui si realizza il maggiore contatto tra il nostro organismo e il mondo esterno. Solitamente si pensa che questo avvenga attraverso la pelle. Quest’ultima, però, ha una superficie minore di 2 metri quadrati, che risulta irrisoria se paragonata a quella dell’intestino, il quale, estendendo la sua ampiezza attraverso delle digitazioni (villi e microvilli), arriva a superare i 200 metri quadri.

 

(a) Intestino tenue (b) Villi intestinali (c) Microvilli
(a) Intestino tenue (b) Villi intestinali (c) Microvilli

L’apparto digerente è un sistema estremamente complesso. Per comprendere le sue funzioni dobbiamo prendere in considerazione le parti che lo costituiscono:
1.     tubo digerente
2.     sistema immunitario intestinale
3.     sistema nervoso intestinale
4.     microbiota

1. Tubo digerente

Comprende bocca e ghiandole salivari, faringe, esofago, stomaco, duodeno, intestino tenue, crasso, retto, ano, fegato, cistifellea e pancreas.

Le funzioni più conosciute di questo apparato sono la DIGESTIONE e l’ASSORBIMENTO. Il cibo, per venir assorbito, deve essere scomposto in parti molto piccole. Il processo inizia nella bocca: la masticazione riduce il cibo in piccoli pezzi che, amalgamandosi con la saliva, costituiscono il bolo alimentare. Il bolo passa nello stomaco, dove entra in contatto con l’acido cloridrico e il succo gastrico. La scomposizione del cibo si completa nel duodeno e nell’intestino tenue per l’azione dei succhi pancreatico, biliare e intestinale. A questo punto il bolo, scomposto in parti piccolissime, è pronto per essere assorbito. L’assorbimento avviene principalmente a livello dell’intestino tenue. La parte non assorbita del bolo passa nell’intestino crasso. Qui viene sottoposta al riassorbimento dell’acqua e all’azione della flora intestinale. Il processo termina con la formazione delle feci.

Meno noto, invece, è il fatto che il sistema digerente produca ORMONI e NEUROTRASMETTITORI (secretina, gastrina, pancreozimina, acetilcolina, adrenalina, serotonina…), che agiscono non solo localmente, ma su tutto l’organismo.

2. Sistema immunitario intestinale

Forse può sorprendere il fatto che la maggior parte del sistema immunitario dell’organismo sia localizzato a livello dell’apparato digerente. In realtà ciò si giustifica considerando che il principale contatto tra il nostro organismo e l’ambiente si realizza proprio a questo livello.

Il sistema immunitario dell’apparato digerente è impegnato in un incessante lavoro di sorveglianza. Da un lato riconosce i batteri “buoni” e le sostanze benefiche assunte con l’alimentazione, dall’altro combatte i microrganismi “cattivi” e le sostanze dannose. È, infatti, in grado di attaccare e distruggere virus, batteri, funghi, parassiti e cellule cancerogene, oltre che allontanare i cibi dannosi e le sostanze tossiche attraverso l’attivazione di reazioni allergiche.

3. Sistema nervoso intestinale

L’apparato digerente ha un sistema nervoso così esteso che gli è stato riconosciuto il titolo di SECONDO CERVELLO. Il cervello intestinale è capace di pensare ed agire in maniera autonoma controllando la peristalsi intestinale. Allo stesso tempo dialoga col cervello cranico a cui è collegato attraverso via umorali, neuroendocrine e immunitarie. Tale collegamento ha fatto coniare il termine di “asse intestino-cervello” per sottolineare la comunicazione bidirezionale che si verifica tra questi organi. L’intestino, infatti, è coinvolto nelle emozioni, nell’empatia e nella memoria.

salute e intestino
salute e intestino

Le emozioni che nascono nel cervello cranico si manifestano a livello del tubo digerente. Il cervello intestinale decide, però, il loro effetto. Stati di ansia possono manifestarsi con stipsi o diarrea a seconda che il cervello intestinale attivi il sistema nervoso simpatico o quello parasimpatico.

Ho accennato in precedenza al fatto che il sistema digerente, analogamente al cervello, produca ormoni e neurotrasmettitori. Una dato interessante è che produce il 90% della SEROTONINA del corpo (solo il 10% è prodotto nel cervello cranico). Questo ormone agisce localmente sulla peristalsi e, al contempo, informa il cervello cranico su sazietà e presenza di nausea. La serotonina, però, è anche il principale responsabile del tono dell’umore. Se l’intestino è infiammato, la sua produzione diminuisce e ne cala anche la sua disponibilità a livello cerebrale. Sarebbe utile valutare la possibilità di combattere la depressione agendo sul sistema digerente, oltre che con farmaci che agisco sul sistema nervoso centrale. A tal proposito è interessante riportare i risultati di uno studio condotto su un gruppo di volontari sani, che ha dimostrato come la somministrazione di probiotici fosse in grado di migliorare l’umore.

Il sistema digerente produce anche ADRENALINA. Le persone con ansia o attacchi di panico producono quantità più elevate di adrenalina e spessissimo soffrono di colite. La maggior quantità di adrenalina prodotta dall’intestino infiammato potrebbe contribuire allo stato ansioso. Anche nel caso dell’ansia, quindi, sarebbe interessante intervenire a livello intestinale, oltre che con farmaci ansiolitici che agiscono sul sistema nervoso centrale.

4. Microbiota

Viene così definita la flora batterica presente a livello del tubo digerente. Si tratta di un sistema estremamente complesso con funzioni importantissime che si stanno lentamente chiarendo col progredire della ricerca scientifica (vedi art. I batteri: fonte di vita e di salute). Il microbiota comunica col sistema immunitario e il sistema nervoso intestinali. Il suo ruolo è fondamentale per il buon funzionamento dell’organismo che lo ospita.

Un intestino sano è il passaporto per la salute!

Il complesso ecosistema che costituisce l’apparato digerente gioca un ruolo chiave per la salute dell’organismo. Tale sistema, infatti, non solo fornisce il nutrimento all’organismo, ma analizza e reagisce a ciò che viene ingerito, comunicando costantemente con il sistema nervoso centrale, il sistema immunitario e il resto del corpo. Quello che avviene nell’apparato digerente è in grado di influenzare tutto l’organismo, ma allo stesso tempo il sistema digerente risente di tutto quello che avviene nel resto del corpo. In conclusione si può affermare con certezza che un apparato digerente sano è il passaporto della salute.