Le creme: soldi sprecati?

L’epidermide ricoperta dal suo film idrolipidico è una barriera molto resistente alla penetrazione di sostanze! Anche se spendete più di cinquecento euro per creme che contengono strabilianti principi (vitamine, antiossidanti, collagene, acido ialuronico, polvere d’oro o di pietre preziose), non avrete un effetto maggiore di quello prodotto da quelle pagate pochi euro.

Sapete come fanno le creme a idratare la pelle?

Creano una barriera che blocca la traspirazione andando a imprigionare l’acqua nello strato corneo che si trova al di sotto (artic. “La pelle”).  Mi dispiace per coloro che hanno paura degli aghi, ma l’unico modo efficace per far penetrare delle sostanze nella pelle è iniettarle!

Creme e Oli aiutano a rallentare l’invecchiamento perché mantengono la pelle morbida e idratata supportando il film idrolipidico che la riveste. Fondamentale è poi la fotoprotezione. I raggi UV danneggiano la pelle e, quindi, applicare ogni giorno una crema che contenga fattori di protezione, la preserva dall’invecchiamento.

La differenza nella qualità delle creme non sta tanto nella ricchezza di principi attivi, quanto nella loro naturalezza e nell’assenza di sostanze tossiche! Fino a poco tempo fa, infatti, potevano contenere sostanze cancerogene come i parabeni. La scelta della crema va effettuata in base alle caratteristiche della pelle. Creme troppo grasse possono impedire che il sebo venga eliminato adeguatamente insieme alle cellule morte e favoriscono la formazione di punti neri e grani miglio.

I detergenti

Nella cura della pelle è fondamentale l’uso di detergenti che la mantengano pulita, preservando il film idrolipidico e il suo pH. E’ bene evitare detergenti aggressivi che rischiano di impoverirla, facendola invecchiare maggiormente. La detersione andrebbe effettuata due volte al giorno:

  • al mattino per rimuovere le cellule morte formatesi durante la notte;
  • alla sera per rimuovere le sostanze inquinanti depositate sulla pelle e il make up.

Per chi usa latte o olio detergente, è auspicabile l’impiego di una lozione tonificante per asportarne i residui e preparare la pelle al trattamento con la crema.

Sarebbe importante, infine, effettuare periodicamente una pulizia più profonda attraverso un leggero peeling fisico (scrub) che ossigeni e liberi la pelle dalle impurità.

Un pensiero su “Le creme: soldi sprecati?

  1. Maurizio dice:

    sono un estetista e sono pienamente d accordo con quanto ho letto.
    Posso solo aggiungere che alle terapie iniettive va sempre associata la scelta di un cosmetico idoneo. Un derma ricco di sostanze è costretto a cedere parte della sue molecole di acqua ad una superficie povera che presenta uno squilibrio lipidico. Per cui alla terapia iniettiva indispensabile per il “sostegno dermico” deve corrispondere un prodotto eutrofico che aiuti la componente lipidica superficiale a compiere il suo lavoro. la scelta del cosmetico ad uso quotidiano è fondamentale.

Commenti chiusi