Lifting chirurgico o Acido ialuronico?

Arrivati a una certa età è vero che non basta l’acido ialuronico e solo il lifting chirurgico consente di ringiovanire? Fino a qualche anno fa avrei risposto di sì. Oggi la risposta è diversa, grazie alle recenti acquisizioni su anatomia e invecchiamento. Si è potuto verificare, infatti, che la causa principale della lassità della pelle che compare con gli anni è la perdita di volume dell’impalcatura del viso. La pelle cade come un vestito troppo largo su un corpo dimagrito (art. “I 4 fattori che determinano l’invecchiamento del viso”).

Cosa fa il lifting chirurgico?

Il lifting chirurgico combatte la lassità restringendo la pelle e la muscolatura del viso.

Per comprendere come agisce, possiamo riassumerlo in 4 fasi:

1. Inizialmente si praticano le incisioni della cute che partono dalla tempia, passano davanti all’orecchio e, ruotandovi  attorno, raggiungono il collo.
2. Successivamente si procede ad un ampio distacco della pelle dalle strutture sottostanti.

3. A questo punto si accorcia la muscolatura, ripiegandola su se stessa e fissandola con punti di sutura.
4. Infine si tira la pelle, di cui si asporta la porzione in eccesso prima di ricucirla.

Si tratta nel complesso di un intervento invasivo. I tempi di guarigione sono lunghi e residuano ampie cicatrici.

L’acido ialuronico può sostituire il lifting chirurgico?

MD Codes

I filler di acido ialuronico permettono di ottenere un effetto lifting attraverso il ripristino del volume dell’impalcatura del viso. E’ come se il vestito, che prima cadeva, tornasse a star bene perché il corpo ha ripreso il volume perso.
Tale trattamento è stato standardizzato attraverso gli MD Codes. Si tratta dei punti che devono essere iniettati per cancellare l’aspetto stanco, cadente, triste o arrabbiato e determinare il ringiovanimento del viso.

I fillers di acido ialuronico, in associazione con la tossina botulinica per rilassare la muscolatura (art.”Quello che non sapete sulla tossina botulinica“), consentono di ottenere un effetto sovrapponibile a quello del lifting chirurgico. Un grande vantaggio è il risultato immediato senza i costi e l’invasività della chirurgia. Chiaramente per ricreare i volumi del viso sono necessarie diverse fiale. Per ottenere un risultato graduale e ridurre il numero di fiale iniettate in ogni singola seduta, conviene effettuare 3 o 4 sedute. L’acido ialuronico si riassorbe col tempo, ma la sua lunga durata permette di mantenere il risultato raggiunto con 2/3 sedute annuali di richiamo.

Acido ialuronico versus lifting chirurgico

Si pensa comunemente che il lifting chirurgico sia definitivo. In realtà i risultati del lifting non durano molti anni: la chirurgia produce molta infiammazione e lascia ampie cicatrici che rappresentano un ostacolo alla circolazione di sangue e linfa per cui l’invecchiamento viene accelerato.

Lifting Chirurgico o Acido Ialuronico

Il lifting chirurgico, per di più, restringe la pelle del viso col rischio di un aspetto appiattito e poco naturale. L’acido ialuronico, al contrario, produce un risultato naturale perché corregge la vera causa della lassità cioè la perdita di volume dell’impalcatura del viso. Un altro vantaggio della medicina estetica rispetto alla chirurgia è la prevenzione. Correggere la contrazione muscolare eccessiva e lo svuotamento del viso man a mano che si verificano consente di mantenere un aspetto giovanile costante nel tempo.