Microbotox e dintorni

La Tossina Botulinica è stata utilizzata fino ad oggi in campo estetico con lo scopo di contrastare le “rughe di espressione”, cioè quelle causate dalla contrazione dei muscoli del viso. Recentemente è stato messo a punto da Woffles Wu, chirurgo plastico di Singapore, un nuovo metodo di utilizzare la Tossina Botulinica: il Microbotox.

La tecnica consiste nel diluire moltissimo il principio attivo e nell’iniettarne quantità minime, quasi omeopatiche, ad un livello estremamente superficiale. Questo fa si che la Tossina Botulinica vada ad agire non sul muscolo, ma sul derma. Il risultato è un rilassamento delle fibre superficiali che sono responsabili delle rughe sottili.

L’introduzione della tossina a livello del derma, inoltre, stimola i fibroblasti, le cellule responsabili della sintesi di acido ialuronico, collagene ed elastina, rendendo la pelle più elastica e compatta. Il microbotox, infine, va regolarizzare la secrezione di sudore e sebo. Gli effetti sono un’attenuazione dei pori dilatati, un miglioramento dell’acne e una maggiore luminosità della pelle.

La tecnica

Microbotox e Dintorni
Microbotox e Dintorni

Attraverso un ago sottilissimo vengono iniettate molto in superficie piccole gocce di Microbotox a distanza di circa un centimetro l’una dall’altra. Il trattamento è veloce (10-15 min) e praticamente indolore.
Non presenta effetti collaterali di rilievo: si può verificare un leggero rossore che scompare in poche ore e raramente qualche piccolo ematoma. Dopo il microbotox, quindi, si può ritornare immediatamente alle proprie attività. I risultati si cominciano a notare già dopo circa 3/5 giorni e si completano dopo 15.

La durata dell’effetto è di circa 3/4 mesi, trascorsi i quali il microbotox può essere ripetuto. Le controindicazioni sono le stessa della Tossina Botulinica: ipersensibilità, gravidanza e allattamento.

Le indicazioni

Il Microbotox può essere effettuato praticamente in ogni distretto per correggere le rughe sottili e migliorare la compattezza, l’elasticità e la texture della pelle.

I volti perfetti elaborati al computer
I volti perfetti elaborati al computer

Il microbotox si applica nelle stesse aree del trattamento tradizionale con Tossina Botulinica, da solo o in associazione a quest’ultimo per migliorarne il risultato.

Il microbotox può anche esser utilizzato nel resto del viso, in particolare nelle guance per migliorare le rughe sottili e nella zona che circonda l’occhio per correggere le piccole rughe della palpebra inferiore.

 

Questo trattamento innovativo si è dimostrato utile per ridefinire l’ovale del viso e per migliorare anche collodecolleté.

Come ho accennato in precedenza, è ottimo anche in caso di pori dilatatipelle grassa, acne rosacea o acne in fase attiva.

Ci sono, infine, evidenze scientifiche recenti che dimostrano una sua efficacia negli esiti di acne e nelle cicatrici in generale.

Conclusioni

Il Microbotox è adatto ai pazienti di tutte le età, sia uomini che donne. Aiuta a correggere le rughe sottili, tonificare la pelle, illuminare la carnagione e ridefinire il contorno del viso. E’ adatto a tutti quei pazienti che vorrebbero provare la tossina botulinica, ma ne diffidano per una cattiva informazione (art. tossina botulinica: veleno o farmaco?) oppure perché temono un risultato non naturale.

Il Microbotox non può però essere considerato la soluzione ideale per ogni genere di inestetismo. Non esclude, infatti, l’uso tradizionale della tossina botulinica e neppure quello di filler o di altri altri trattamenti estetici. Anzi è proprio attraverso la sinergia tra il microbotox e le altre metodiche estetiche che è possibile prevenire l’invecchiamento e ottenere un risultato naturale e personalizzato per le esigenze di ogni singola persona.