Prevenire l’invecchiamento: la nuova sfida dell’acido ialuronico

Possiamo immaginare la sequenza di eventi che portano ad invecchiare come una valanga. Se non si fa qualcosa per prevenire poi non si riesce più ad arrestarla. I filler di acido ialuronico possono prevenire l’invecchiamento del viso. Invece spesso le persone si preoccupano di sottoporsi troppo precocemente a un trattamento di acido ialuronico per la paura di peggiorare una volta che questo abbia esaurito il suo effetto.

prevenire l'invecchiamento con i filler di acido ialuronico
Invecchiare è come una valanga. E’ importante prevenire l’invecchiamento prima che dia effetti irreversibili

Molto più che eliminare le rughe

 Ho già parlato dettagliatamente sia dell’acido ialuronico che delle funzioni che svolge nell’organismo. Nell’articolo sui filler di acido ialuronico ho anche spiegato come ne esistano tipi differenti per caratteristiche fisiche (densità, viscosità..) al fine di adattarsi alle diverse aree in cui devono essere applicati.

L’acido ialuronico è un materiale biocompatibile. Una volta introdotto nella pelle, infatti, l’organismo lo tollera molto bene e lo considera come una parte di sé. La sua durata è elevata grazie alla lenta degradazione enzimatica.

Il lifting naturale

E’ vero che i filler di acido ialuronico sono nati per riempire le rughe, ma pensare ancora che svolgano solamente questa funzione è estremamente riduttivo. Oggi, infatti, i risultati di un trattamento con filler sono pari, se non addirittura superiori, a quelli di un lifting chirurgico (lifting chirurgico o acido ialuronico?).

Ciò grazie al fatto che i filler sono divenuti un mezzo per ripristinare la struttura del viso. Ricreare l’impalcatura del volto fa sì che la pelle, che si era afflosciata come un vestito diventato troppo largo, si distenda nuovamente con un effetto di lifting naturale.

Il trattamento coi filler di acido ialuronico, inoltre, presenta una serie di vantaggi rispetto alla chirurgia. Sicuramente la minor invasività, il costo più basso e l’immediatezza del risultato. Un vantaggio ulteriore è la possibilità di effettuare sedute successive per migliorare il risultato o per mantenerlo nel tempo.

Il riequilibro della muscolatura del viso

Recentemente si è scoperto che quando è presente un’alterazione nella struttura del viso, si verifica anche un’alterazione della funzione dei muscoli di quella regione. Considerando che i muscoli del viso, i muscoli mimici, collaborano tra loro per determinare le

prevenire l'invecchiamento: l'acido ialuronico distende la pelle con un effetto di lifting naturale.

varie espressioni del viso, si comprende come l’alterazione di uno si vada a ripercuotere sulla funzione degli altri.

Alcuni muscoli, quindi, presenteranno un deficit della funzione, con una conseguente discesa delle strutture a cui sono collegati. Pensiamo ad esempio all’angolo della bocca che con l’invecchiamento può scendere verso il basso.

Altri muscoli, invece, si contrarranno maggiormente tirando verso di loro le strutture collegate. Pensiamo ad esempio ad un labbro superiore che sale troppo durante il sorriso mostrando le gengive.

Nelle aree di maggior contrazione, inoltre, la pelle tenderà ad assottigliarsi progressivamente e formare rughe.

Il ripristino della struttura del viso con i filler di acido ialuronico va quindi a riequilibrare la funzione muscolare e prevenire l’invecchiamento.

Oltre a ciò, si è scoperto che il filler di acido ialuronico può agire direttamente sui muscoli del volto sia rinforzandoli che indebolendoli, a seconda della profondità in cui viene iniettato.

Questa modulazione della forza muscolare può essere utilizzata per ricreare l’equilibrio nella dinamica del viso. Ad esempio per correggere un sorriso asimmetrico oppure un sorriso gengivale (gummy smile).

Grazie a questo ruolo l’acido ialuronico si va ad affiancare alla tossina botulinica, che fino a poco tempo fa era l’unico mezzo per agire sulla muscolatura. Quest’ultima, però, a differenza dell’acido ialuronico, può essere utilizzata solamente in alcuni distretti del volto.

Riassumendo, il trattamento coi filler è in grado di ripristinare la struttura del viso e riequilibrare la muscolatura. Queste azioni sono importanti non solo per migliore l’aspetto in maniera naturale, ma anche per prevenire l’invecchiamento.

Come prevenire l’invecchiamento

obbiettivo della medicina estetica: mantenere la bellezza immutata nel tempo

Mettendo a confronto il viso di un giovane con quello dei genitori, è possibile comprendere come invecchierà.

La nuova sfida dell’acido ialuronico è proprio questa… Individuare e correggere le alterazioni della struttura e/o gli squilibri funzionali della muscolatura prima che producano conseguenze inarrestabili.

A tal fine sono state identificate le zone critiche che possono innescare l’invecchiamento: i punti trigger.

L’analisi dei punti trigger consente di selezionare le aree da trattare in maniera prioritaria per migliorare l’aspetto e prevenire l’invecchiamento.

In seguito il monitoraggio periodico dei punti trigger consente di individuare tempestivamente le aree che potrebbero innescare nuovamente l’invecchiamento.

Questa è la grande innovazione della medicina estetica. Riconoscere precocemente i segnali dell’invecchiamento e trattarli prima che diano effetti irreversibili.

L’obbiettivo non è quello di rimanere giovani per sempre, ma invecchiare meglio, conservando la bellezza e il proprio aspetto nel tempo.

Un pensiero su “Prevenire l’invecchiamento: la nuova sfida dell’acido ialuronico

  1. Pingback: invecchiamento umano: invecchiano meglio uomini o donne? | Life&People

Commenti chiusi